Ottobre è il mese dedicato alla prevenzione. È sconcertante il numero di diagnosi di tumore al seno che ogni anno colpiscono le donne di tutto il mondo. Grazie alla diagnosi precoce, però, è possibile combattere e anche sconfiggere il nemico numero uno delle donne. Infatti, la percentuale di sopravvivenza di coloro che sono state colpite dalla malattia ha raggiunto l’85,5% (dati AIOM e AIRTUM, I numeri del cancro in Italia 2016). Proprio per questi incoraggianti risultati è stato adibito un mese dedicato all’informazione e alla sensibilizzazione.

Uno stile di vita attivo è in grado però di prevenire non solo le malattie cardiovascolari, ma anche quelle oncologiche. La frase del famoso scrittore statunitense Napoleon Hill non è mai stata più indicata: “Non aspettare: non sarà mai il tempo opportuno. Inizia ovunque ti trovi, con qualsiasi mezzo tu puoi avere a tua disposizione”. Non è mai troppo tardi per cominciare ad avere uno stile di vita più sano.

Inoltre, è importante sottolineare che l’esercizio fisico può anche avere un ruolo determinante nella battaglia contro il tumore al seno.

Dall’ultima European Breast Cancer Conference è arrivata una conferma importante: fare attività fisica con costanza riduce del 12% il rischio di ammalarsi di tumore al seno per le donne di qualunque età e peso. Questo dato può essere spiegato dal fatto che lo sport aiuta a rinforzare il sistema immunitario e ha un impatto positivo sul peso corporeo che, a sua volta, ha una relazione molto stretta con il rischio di comparsa del tumore al seno. Inoltre, Daniela Lucini, professore associato Università di Milano, internista e specialista in psicologia clinica e responsabile dell’unità di Medicina dell’esercizio e patologie funzionali dell’Istituto Clinico Humanitas di Rozzano, sostiene che chi svolge attività fisica o inizia a praticarla tende ad adottare altri comportamenti salutari.

In particolare, lo sapevi che lo Yoga può aiutare anche le persone che stanno combattendo una battaglia difficile come la lotta con il cancro.

Lo Yoga non è solo uno sport, ma è una disciplina che coinvolge mente, corpo, alimentazione, respirazione e meditazione. Tutti questi aspetti impattano positivamente sul paziente. Ovviamente, come tutte le altre discipline, è indispensabile chiedere conferma al proprio medico sulla possibilità di poter partecipare al corso ed inoltre ci si deve accertare che l’istruttore sia competente e qualificato, anche per gestire questo tipo di pazienti.

Perché lo Yoga può far bene alle donne con il cancro al seno?

Lo Yoga ha molti benefici e in generale quelli che sono stati riscontrati dalle donne affette da questa malattia sono stati riportati in alcune ricerche dell’American Society of Clinical Oncology, ed essi sono

  • Meno stress,
  • Minor della fatica fisica,
  • Miglioramento della qualità sonno,
  • Miglioramento della qualità della vita,
  • Miglioramento delle funzioni fisiologiche​.

Lascia un commento e facci sapere se hai trovato questo articolo interessante! Inoltre, puoi seguirci su Facebook e Instagram!

VEJA TAMBÉM  Sei uno da sport di squadra o individuale?